Perché ha cominciato a scrivere? C’è un’immagine nella sua memoria che ricollega al momento in cui ha deciso di voler diventare scrittrice?

 

Perché mi piace.

Notte in oceano Atlantico, tra le Bermuda e le Azzorre.

Milioni di stelle. Niente luna.

Solo con la mia barca Lupo Solitario.

Nessuno al timone. Spente le luci di via, inutili. Vela bianca nel buio.

Immensità.

Altra vela passa sulla mia prua a 30 metri.

Nessuno al timone. Spente le luci di via, inutili. Vela bianca nel buio.

Silenzio assoluto.

Fruscio delle carene nell’acqua.

Atropo sorrideva a noi.      

 

Ci racconti il suo rapporto con la scrittura e com’è cambiato nel tempo.

 

Anni di “legalese”, terminologia tecnica da Avvocato civilista, puntigliosa, ruvida, arida.

Poi, all’improvviso, la libertà.

Finalmente dolci curve e parole incerte, raccolte da chi legge e immagina …     

 

Ti abbiamo fatto questa domanda perché come casa editrice siamo molto attenti alla formazione degli scrittori, per questo vogliamo farti e vogliamo fare a chi ci leggerà un regalo.

 

SCARICA GRATUITAMENTE IL MANUALE

 

Ma tornando a noi…

 

A che lettore pensa quando scrive?

 

A nessuno. Penso con i personaggi che si aggirano, reali, nel mio mondo.

 

 

Quali autori l’hanno formata maggiormente e com’è arrivato a loro?

 

Lupo Solitario è stracolma di libri, una biblioteca a vela.

Ho una formazione classica: adoro Dante che viaggia nel tempo e odio Renzo e Lucia che, statici, continuano a rompere nel tempo.

Tra i contemporanei penso di non aver perso un solo racconto di avventure di mare: Patrick O’Brian primo fra tutti. E poi spazio dove capita, sempre legato al piacere di leggere chi mi fa viaggiare. Non riesco a odiare Umberto Eco, ma dovrei e ogni tanto ci ricasco.

E poi i libri gialli, il piacere di seguire l’intreccio, far tardi sulle ultime pagine …

Al di là del mare e delle Alpi, da qualunque parte, oggi nessuno regge il paragone: Maurizio De Giovanni è un poeta che non scrive, forma le immagini e tu ci sei dentro, magari insieme a Aragona; Antonio Manzini le immagini le rompe e escono fuori illogiche e reali due scarpe bagnate, una canna e una cagnetta; Gianrico Carofiglio ti immerge nel dolore della realtà di tutti i giorni, quella cattiva, troppo a volte; Camilleri ha portato il dialetto siciliano fin sulle nevi eterne del monte Bianco, parlato dal Commissario d’Italia i cui vizi non riescono a nasconderne la umanità.  

IL LIBRO

 

Napoli anni 70.

Quartiere Barra/San Giovanni a Teduccio, periferia, quella tosta. Il corpo di un maestro di violino viene trovato immerso in un lago di sangue nel cortile del suo palazzo e di lì a pochi giorni, da una colonna pluviale otturata fuoriesce un … braccio peloso con la mano priva delle falangi. Amministra il fabbricato Napoleone Esposito, giovane ragioniere importato dalla provincia, vittima di un nome troppo pesante, da sempre accorciato in Popò, da amici e detrattori, e aspirante investigatore privato: il sogno della sua vita. Bello e ingenuo, Napoleone Esposito si lancia a capofitto in un mare di guai, cercando di dipana- re una matassa che lo metterà di fronte a realtà impensabili e sconosciute ai più, dove talvolta la Giustizia si scontra con la Legge, troppo spesso impotente o assente. Nel suo primo viaggio verso una nuova consapevolezza della vita che ha scelto, Napoleone conosce Nadia, donna bellissima e sensuale, anche troppo, e conosce il mare che sarà il suo più grande amore e che per uno strano destino lo accompagnerà sempre nelle sue indagini: Napoleone Esposito, l’Investigatore del mare.

 

 

 

Raccontaci il tuo libro e perché leggerlo

 

Napoleone Esposito.

Ingenua comparsa nella sua stessa vita di cui pensa di essere l’attore principale. E la vita lo travolgerà, devastante come un’onda anomala. La sua dote migliore è la cocciutaggine che non riuscirà a salvarlo ma lo trasformerà, accentuandone ancora di più le contraddizioni quando arriverà a calcare le tavole del suo palcoscenico da primo attore.

Nel primo libro, la vita sfiora appena Napoleone, gli concede molto, portandolo a sperimentare le sue doti di investigatore in due casi così intricati che la soluzione apparirà solo alla fine di un percorso fuori dagli schemi.

 

 

 

Perché leggere il libro?

 

Perché la vicenda è assolutamente accattivante e inedita.

Perché il lettore non ha modo di giungere alla soluzione prima di Napoleone.

Perché la vita che scorre tra le righe è vera.

Perché l’amore giovane che si incontra è quello sognato e vissuto dai giovani di tutte le epoche.  

Perché il lettore si trova nella Napoli degli anni 70, splendida nella sua tragicomicità, dove gli episodi narrati sono per la maggior parte realmente accaduti. Una Napoli, come quella odierna, assolutamente lontana dalle nere pennellate di Saviano che la vorrebbero strangolata dalla malavita, quando la stragrande maggioranza dei partenopei è depositaria di un’umanità fuori dall’ordinario, di una elevata cultura, acquisita nelle migliori scuole e università della penisola, e, perché no, di quella furbizia ai limiti della legalità, talvolta oltre, maturata al sole delle secolari oppressioni e sfruttamenti.

Perché il lettore ad ogni pausa aspetterà con piacere il momento di riprendere la lettura.

Perché alla fine chiuderà il libro soddisfatto.

 

Se abbiamo un po’ incuriosito il lettore lo inviterei a scoprire di più sul tuo libro anche perché in questi giorni è in super promozione nella versione ebook.

 

SCOPRI IL MAESTRO DI VIOLINO

 

Quale dei personaggi del tuo libro assomiglia più a te? O che aspetto del tuo libro hai più a cuore?

 

Il protagonista assomiglia all’autore? L’autore era il protagonista?  

Sono passati tanti anni e la questione si perde nelle volute del tempo. 

 

L’insanabile contrasto tra Giustizia e Legge, il bivio che l’uomo di tutti i giorni incontra così spesso, al punto di chiedersi che senso abbia una Legge Ingiusta.    

 

Cosa ci riservi per il futuro? Prossime pubblicazione o progetti

 

Napoleone entra nel mondo delle corse clandestine. Una storia complicata che coinvolge molti personaggi di spicco in una girandola di morte e di passioni. Non mancano gli aspetti umani e l’immersione nella napoletanità più autentica.   

 

 

A breve uscirà anche la versione cartacea di questo bel libro, per il momento ti facciamo un grande in bocca al lupo per questo romanzo!

 

Vuoi approfondire il corso di scrittura?

 

QUI TROVI IN PRELANCIO LA VERSIONE IN EBOOK 

 

 QUI TROVI IN PRELANCIO LA VERSIONE CARTACEA

 

Tutti i nostri libri li trovate su YOUSHO

REGISTRATI DA QUI A YOUSHO 

https://my.yousho.it/plbx

PLBX

Share This